BEST PAINT MOTOR BIKE EXPO 2016

photo Antonio Cellini

Domenica 24 Gennaio, durante il Motor Bike Expo di Verona – la più grande Fiera Italiana dedicata alle moto speciali, alle custom ed agli accessori – il nostro ultimo progetto ha vinto il premio miglior verniciatura di Lowride Magazine.

Il piccolo chopper, su base Sportster 883, è stato completamente realizzato dalla nostra officina MONSTER CYCLES di Grosseto. Serbatoi e parafango artigianali, telaio rigido e cura dei piccoli dettagli, caratterizzano questo mezzo dal fascino retrò ma sempre molto attuale. Accessori Kustom Tech e coperture EMD danno un tocco originale insieme alla sella realizzata da Calavera’s Leather di Savona.

A dare vita a questo bicilindrico, non poteva mancare una verniciatura inspirata ai gloriosi seventies. il telaio e la carrozzeria sono stati interamente realizzati in metaflakes con una grafica lowrider con varie tonalità di viola, fuxia e verde.

Atom Ant, la nostra formica atomica – inoltre, al prestigioso premio della rivista italiana, ha vinto anche un riconoscimento dalla giuria americana, aggiudicandosi il Jody’s Pick direttamente da Jody Perewitz in persona, artista americana e campionessa inbattuta a Boneville

ATOM ANT -BEST PAINT VERONA 2016 – HD SPORTSTER

See more on Facebook and Instagram 

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Cos’è l’aerografo

aerografo

L’aerografo è uno strumento che sfrutta la forza dell’aria compressa per spruzzare colore su di una superficie. Le operazioni che si possono fare con l’aerografo sono molteplici e si può andare dalla colorazione a bordi netti o sfumati al ritocco di parti anche molto piccole. L’aerografo permette quindi personalizzare diverse superfici a seconda ovviamente della tipologia di vernice utilizzata. In passato l’aerografo veniva utilizzato per il ritocco fotografico e per eseguire illustrazioni pubblicitarie; sostituito in questi campi dai moderni programmi di computer grafica, l’aerografo viene usato ai giorni nostri per la body art, la nail art, il modellismo, l’illustrazione ma soprattutto per il custom painting, ovvero la personalizzazione di moto, auto e caschi.

MAKING OF A TANK

1.Preparazione della superficie : eliminare eventuali righi e abrasioni presenti sul  serbatoio carteggiando e stuccando la superficie nei punti necessari e in seguito dare un fondo epossidico e se necessario ripetere l’operazione. Dopo ciò, dare il colore di base al serbatoio utilizzando una pistola da carrozzeria. Una volta asciutto il colore preparare la superficie per essere aerografata, rendendola liscia e porosa.

2.Preparazione del progetto: ogni lavoro richiede un bozzetto, in questo caso è stato disegnato un teschio e in seguito sono state preparate delle mascherine con esso disegnandolo e tagliandolo su un cartoncino bristol. Le mascherine servono solo all’ inizio per definire gli ingombri del disegno, in seguito vanno levate e si prosegue a mano libera per ottenere linee più morbide e naturali.

3.Preparazione dei colori: procurasi prima tutti i colori e il materiale necessario e nel caso fare delle prove colore. Per la realizzazione di questo serbatoio sono stati utilizzati colori da Aerografia House of Color: Bianco, nero e Kandy  Cobalt Blue per il teschio;  Kandyes Apple Red, Tangerine e Pagan Gold, Graphic color Red e Gold per le fiamme.

4.Esecuzione del teschio: utilizzando il disegno e le mascherine preparate in precedenza disegnare gli ingombri della mascella, dei denti e del cranio andando molto leggeri. Togliere le mascherine e proseguire a mano libera rinforzando le linee e sfumando i colori per dare volume, luci e ombre al disegno. Infine disegnare gli occhi, importanti per l’espressione del teschio.

5.Realizzazione delle fiamme: una volta ultimato lo “skull”, si inizia a disegnare le fiamme con il graphic red e l’aiuto dei Artool freehand stencils all’occorrenza. In seguito utilizzare i Kandies e disegnare nuove fiamme creando un gioco di primi e secondi piani per dare profondità. Alla fine intensificare i punti luce con il giallo e il bianco fino ad ottenere l’effetto desiderato.

 HOW TO PAINT A GUITAR!

1.Preparazione della superficie : Smontare completamente la chitarra  rimuovendo non solo le corde, ma anche le parti elettriche e meccaniche e perfino il manico (potete chiedere aiuto ad un liutaio). In seguito opacizzare con lo scotch brite l’intera superficie della chitarra (non preoccupatevi se il nero diventa opaco, è normale). Nel caso ovviamente che la chitarra non fosse già nera e in ottime condizioni come questa, va prima sistemata e dato il colore di base

2.Preparazione del Progetto e dei colori: ogni lavoro richiede un progetto di partenza, in questo caso però trattandosi della replica della Jackson Adrenalize di Phil Collen, chitarrista dei Def Leppard, basta una foto ad alta risoluzione della sua chitarra. E’ molto importante ricreare i soliti colori e stare attenti alle proporzioni del disegno perché esso sia il più fedele possibile all’originale.

3.Esecuzione dell’occhio: Per prima cosa disegnare il punto luce dell’occhio e incartare la pupilla perché essa dovrà rimanere nera. Tagliare e appoggiare sulla chitarra il contorno dell’iride e iniziare a sovrapporre strati di sfumature di Bianco e Kandy Blue fino ad ottenere il risultato desiderato. Togliere il contorno dell’’iride e uniformare a mano libera

4.Aggiungere i Fulmini: Scartare la pupilla e, partendo dal centro, disegnare i vari fulmini sempre utilizzando i soliti colori.

5.Disegnare il mirino: infine disegnare il mirino in giallo partendo prima dalla realizzazione dei cerchi concentrici e aggiungendo dopo il reticolo delle linee orizzontali e verticali.

La chitarra è finita, basta solo darle il trasparente!

_____________________________

Le immagini sono protette da copyright e non possono essere utilizzate in alcun modo senza autorizzazione. Copyright © 2012 Marco Marroni www.marroniphoto.it

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Chi siamo

Air Kustom Design nasce dall’incontro di Eleonora e Alessandro, lei eclettica e versatile disegnatrice  e lui appassionato di motori che da anni si dedica a varie modifiche ad auto e moto. Entrambi amanti di tutto ciò riguarda il panorama custom americano decidono di mettere insieme le proprie conoscenze ed esperienze per un’attività in continua evoluzione.

Eleonora, dopo aver frequentato a Roma la Scuola Internazionale di Comics indirizzo Illustrazione, dove apprende le basi del disegno e le varie tecniche di colorazione, decide di cimentarsi con l’aerografo, caduta preda dell’affascinante mondo del Custom Painting.

Rapita dalle curve delle fiamme Hot Rod e dal calore dei kandyes delle real flames decide di non stare più a guardare ma iniziare a sporcarsi le mani! Dopo un corso full immersion, l’avventura prosegue studiando con artisti di fama internazionale come Craig Fraser, Mike Lavalle Herb Martinez e partecipando a vari raduni e fiere.

Air Kustom design nasce e cresce così, nel loro laboratorio a Grosseto, teatro di numerose personalizzazioni e sede di incontri con amici che non hanno paura di sporcarsi di un po’ di colore quando vanno a trovarli!

 Da Febbraio 2014, Air Kustom Design si è trasferito nella nuova sede di viale Europa 89, dove Alessandro ha finalmente aperto la sua officina trasformando la sua grande passione in un lavoro.

Costruzione di telai artigianali, assistenza meccanica ordinaria e personalizzazioni, vendita di accessori e abbigliamento, sono le caratteristiche del loro nuovo progetto noto come MONSTER CYCLES – KUSTOM FACTORY.

________________________________

Le immagini sono protette da copyright e non possono essere utilizzate in alcun modo senza autorizzazione. Copyright © 2014 Air Kustom Design

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS